Prima Pagina

 

UN QUADRO CAOTICO IN ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA

Gli sforzi dell’attuale Governo -e segnatamente quelli che produce, giorno per giorno, il Presidente del Consiglio- non valgono a rappresentare uno scenario credibile e coerente, al quale affidarsi per il prossimo futuro. Troppi impegni, troppi “vedremo”.
In buona sostanza può dirsi che i problemi sono tutti sul tappeto, ma per ben pochi di essi, anche per le continue “non decisioni” dell’Esecutivo,non  si intravede una soluzione prossima e convincente. Alcuni temi sono piombati letteralmente nel caos (basti pensare alla Scuola, affidata -peraltro- ad una giovane donna, simpatica e intelligente, ma priva di collaudata esperienza e palesemente “fuori ruolo”). Anche le questioni apparentemente più lineari ( i 37 miliardi che la Comunità europea mette a disposizione dell’Italia per porre riparo ai guasti e ai limiti delle strutture sanitarie del nostro paese ) non escono dalla nebulosa dell’incertezza e provocano perfino una frizione tra Conte e la stessa Merkel.

[Il TESTO COMPLETO di questa sezione, di cui si riporta solo una sintesi, è pubblicato nel Notiziario Settimanale inviato in abbonamento]


 

Economia e Politica


Le vane promesse governative
Dal Governo delle sinistre solo parole, parole, parole; promesse, promesse, promesse. Tutto ciò mentre imprese e negozi chiudono e i lavoratori perdono il posto.

In Europa si oppongono agli aiuti all’Italia che sperpera
In Europa non hanno torto ad opporsi ad aiuti all’Italia. Da loro parlamentari e consiglieri percepiscono la metà dell’emolumento degli italiani. Poi le remunerazioni dei manager pubblici hanno un tetto stabilito. Poi non si sono create le società partecipate,  tutte passive e sorte per dare stipendi  e poltrone agli amici di cordata

Dall’Africa a migliaia in Italia
A migliaia  dall’Africa sbarcano in Sicilia, mantenuti con vitto e alloggio,  mentre vi sono italiani ridotti alla fame e costretti a dormire in auto.

Sei miliardi l’anno per mantenere migranti
Ma dove sta scritto che gli italiani debbano pagare sei miliardi l’anno per mantenere gli africani? Perché non viene fatto un democratico referendum? Ecco i soldi per diminuire l’IVA. 

Questo Governo genera pessimismo
Se continua questo Governo e questo Parlamento per gli italiani saranno guai immensi e l’Italia sarà affossata per sempre. La sinistra ha devastato l’Italia e distrutta la vita degli italiani perbene.

Milioni RAI a un intrattenitore
Non si può accettare che la Rai dia più di due milioni l’anno ad un intrattenitore. Tutto ciò mentre vi sono molti giornalisti rimasti senza lavoro. Tutti gridano allo scandalo, ma non si riesce ad eliminarlo. La Rai si mantiene con soldi pubblici e non può sprecarli.


Sembra finita l’ubriacatura di popolo per i cinquestelle
Finita l’ubriacatura di popolo per i cinque stelle. Ormai tutti i giorni perdono consensi.

Fisco: Dare e avere avviare la compensazione
Dovrebbe essere semplice in uno Stato di diritto: io ti debbo 10 tu mi devi 10. Tutto OK.

I grillini non vogliono più la legge sicurezza
Ma  non si vergognano i grillini che lo scorso anno hanno votato la Legge sulla Sicurezza, contrastata fortemente dal Pd, e che adesso assieme a quest’ultimo votano per abrogarla?

La sinistra comanda da decenni
La sinistra comanda in Italia da decenni e ha determinato le leggi ed ha anche concesso ampi poteri alle Procure.

Dalla opposizione al Governo: vertiginoso cambio dei grillini
I cinque stelle sono totalmente cambiati, ora sono per il potere e lo sfruttano.


I Senatori a vita non dovrebbero schierarsi con nessuna parte politica
Spesso il loro voto è determinante per salvare i Governi

Non è giusto che i senatori a vita si schierano votano e salvano il Governo. Dovrebbero dare solo pareri.

Il costo delle missioni militari all’estero
Quanto costano all’Italia le missioni all’estero? Miliardi sostengono in molti.

Ingiustificato l’aumento del prezzo dei carburanti
L’aumento dei prezzi dei carburanti non è da attribuire all’andamento delle quotazioni petrolifere, ma risiede nell’incremento degli spostamenti degli italiani durante la Fase 3. Lo afferma il Codacons, intervenendo sui rincari dei listini presso i distributori italiani.

Problemi scuola. Critiche Codacons
I problemi che si ritrova oggi ad affrontare la scuola in vista delle riaperture degli istituti nell’era Covid, sono il frutto di anni e anni di immobilismo da parte dello Stato che, nonostante le sentenze dei tribunali, non si è mai davvero attivato per mettere in sicurezza le strutture scolastiche.

[Il TESTO COMPLETO di questa sezione, di cui si riporta solo una sintesi, è pubblicato nel Notiziario Settimanale inviato in abbonamento]