Prima Pagina

 

C’ERA UNA VOLTA LA MAGGIORANZA

C’era una volta la Maggioranza, cui si contrapponeva l’Opposizione. E scriviamo volutamente sia Maggioranza che Opposizione con l’iniziale maiuscola perché entrambe  svolgevano un ruolo decisivo per la democrazia italiana e rappresentavano i due poli attorno ai quali si articolava l’assetto politico. E’ superfluo ricordare come, all’interno di siffatto scenario, si muovevano correnti  e partiti, ma sempre in un quadro ben definito.
Adesso viviamo e soffriamo tutt’altra storia. Nella piattaforma di governo manca totalmente una visione unitaria, si registra la latitanza della fiducia reciproca e si moltiplicano le contrapposizioni, anche su temi di vitale importanza per il Paese e per le generazioni emergenti.   [Il TESTO COMPLETO di questa sezione, di cui si riporta solo una sintesi, è pubblicato nel Notiziario Settimanale inviato in abbonamento]


 

Economia e Politica

 
Abolire i 500 enti inutili esistenti
Abolire i 500 enti inutili esistenti nel nostro paese per reperire risorse da destinare alla messa in sicurezza del territorio. A chiederlo il Codacons, dopo gli ingenti danni registrati in Italia a causa del maltempo che ha colpito diverse regioni.

Misure destabilizzanti nella Manovra
Le misure contenute nella Manovra del Governo e fin qui emerse sulla stampa rischiano di avere effetti destabilizzanti su consumatori e imprese, perché improntate ad un forte squilibrio, con nuove tassazioni che vengono introdotte e vecchi balzelli che non vengono eliminati. Lo afferma il Codacons, che sull’argomento ha inviato una istanza al Ministro dell’economia, Roberto Gualtieri, e minaccia denunce nei confronti del Governo se non saranno adottati provvedimenti per riequilibrare la tassazione.


Tasse e imposte degli automobilisti

Ogni automobilista italiano ha pagato in media nell’ultimo anno 1.932 euro di tasse e imposte varie relative al settore auto. Lo afferma il Codacons, che analizza oggi i costi a carico dei cittadini legati al possesso di una autovettura e alle imposte che gravano sugli automobilisti, chiedendo al Governo di intervenire per ridurre la tassazione, che risulta tra le più alte d’Europa. In Italia la spesa complessiva per le automobili, tra acquisto delle vetture, carburanti, imposte, manutenzione, ecc., è stata pari solo nel 2018 a 154 miliardi di euro .

 Disagi per correntisti postali
Disagi oggi per chi ha un conto aperto presso Poste Italiane e per i possessori di Postepay. Da questa mattina infatti gli utenti segnalano difficoltà ad accedere ai servizi sia tramite il web che da App, e l’impossibilità di compiere operazioni e consultare il proprio saldo.
In particolare si segnalano difficoltà nell’eseguire pagamenti online attraverso i servizi Bancoposta o Postepay, mentre il problema non riguarderebbe i prelievi presso gli sportelli Atm.


Crisi nera per l’industria italiana

Per l’industria italiana è crisi nera. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat.
“Siamo in presenza di una situazione allarmante che mette a rischio migliaia di posti di lavoro – spiega il presidente Carlo Rienzi – A settembre la produzione registra il settimo calo consecutivo su base annua, segnando una riduzione del -2,1% rispetto allo stesso mese del 2018, che fa seguito al -1,8% tendenziale registrato ad agosto.”.

Dati negativi sull’industria italiana
I dati relativi all’industria italiana continuano ad essere negativi per il Codacons, e la leggera ripresa su base mensile non basta a colmare il gap con il passato.
“Dopo la produzione, anche fatturato e ordinativi registrano numeri insoddisfacenti – spiega il presidente Carlo Rienzi – A settembre la lieve ripresa su base mensile appare troppo debole, mentre su base annua i numeri sono ancora negativi. Dati che non bastano a colmare le perdite registrate dall’industria nell’ultimo anno, e il confronto con il 2018 rimane preoccupante”.  [Il TESTO COMPLETO di questa sezione, di cui si riporta solo una sintesi, è pubblicato nel Notiziario Settimanale inviato in abbonamento]